• Vacanze in Barca a Vela
  • Vacanze in Barca a Vela
  • Vacanze in Barca a Vela
  • Vacanze in Barca a Vela
  • Vacanze in Barca a Vela
  • Vacanze in Barca a Vela
  • Vacanze in Barca a Vela
  • Vacanze in Barca a Vela
  • Vacanze in Barca a Vela
  • Vacanze in Barca a Vela
  • Vacanze in Barca a Vela

La cucina a bordo della "PENELOPE 1"

 Non dovrete preoccuparvi di come, dove e quando fare cambursa: la troverete già a bordo.

foto cucina di bordo

La cucina a bordo della Penelope 1 incomincia dal "far cambusa" cioè dall'acquisto di cibi e bevande che saranno necessari a sfamare l'equipaggio che con noi ha scelto di trascorrere le proprie vacanze in barca a vela; azione che diventa ancor più significativa per la traversata atlantica, dove, una volta liberati gli ormeggi e partiti non si troverà di che rifornirsi.

Quindi è importante sapere:

  • DOVE ACQUISTARE: arrivare per la prima volta in una località significa non conoscerla. Non sempre i punti di rifornimento sono cosi comodi al porto dove si trova ormeggiata la barca. Sapere come muoversi si traduce in un risparmio di tempo quando il tempo è limitato al periodo della vacanza.
  • DOVE STIVARE: utile è conoscere la barca e tutti i suoi spazi dove sistemare la cambusa così da acquistare gli alimenti giusti, sapere dove e come stivarli per farli durare e soprattutto comperare la quantità necessaria evitando cosi sprechi inutili.
  • LA QUANTITÀ utile per il periodo di navigazione: eviteremo soste finalizzate al rifornimento, considerando che durante alcuni itinerari non si trovano luoghi dove rifornirsi. In particolare per la traversata atlantica diventa importantissimo calcolare la quantità necessaria in base alle persone a bordo e alla durata della navigazione;
  • Conoscere i CIBI LOCALI: abbinare alla cucina italiana i sapori locali significa gustare a 360° i luoghi che si stanno navigando;

Naturalmente la vostra curiosità è quella di sapere i piatti che degusterete a bordo. Alcuni li troverete qui di seguito, altri sono frutto del momento, degli ingredienti locali, delle situazioni meteo che si incontrano durante la navigazione (per le lunghe tratte) , di ciò che in cambusa si deve consumare in quel momento per evitare che appassisca, della fantasia giornaliera della cuoca, degli incontri locali. Perché qualche ricetta nasce tra i mercatini.

Come per esempio la “zuppa di calalu”, la foglia di una pianta tipica dei Caraibi che cresce spontanea nella foresta. Sembra l'orecchio di un elefante e la si trova in vendita arrotolata e legata col suo stesso gambo nei mercatini locali che profumano di spezie. La mangiai per la prima volta in un affollato localino di St. Johns, capitale dell'isola di St. Vincent, naturalmente fatta alla loro maniera, senza olio d'oliva, senza crostini, senza gnocchetti di patate; semplicemente “calalù soup”. Il gusto, seppur strano, era veramente buono: sapeva di “Caraibi”.
Dopo qualche tempo, girovagando per il caotico mercato dell'isola di Grenada, vidi queste “cose” arrotolate sul banchetto di una vecchietta la quale, desiderosa di vendere alla turista curiosa, incominciò a raccontarmi la storia della foglia di calalù mettendomene in mano (come sa fare il bravo venditore) quattro-cinque foglie arrotolate. A questo punto tu non puoi fare altro che comprare quanto “tu hai scelto”. E vedendo quelle patate che da noi non si trovano, pensai di provare a farne dei gnocchetti da accompagnare con la calalù soup.
Tornai in barca entusiasta e desiderosa di provare il mio acquisto giornaliero! Naturalmente i miei ospiti erano curiosi di assaggiare questo sapore locale, ma anche preoccupati. D'altronde, sono convinta che la vacanza in barca , oltre che far assaporare la vita di mare e l'andare a vela, non deve far dimenticare l'importanza di conoscere le culture, i gusti e le tradizioni locali. Perché quindi non coinvolgere tutti gli ospiti nei miei esperimenti culinari?

Alcuni dei piatti che potreste trovare a bordo….dipende anche dall'itinerario che sceglierete:

  • frutta locale sempre fresca
  • pane fresco fatto in... barca
  • focaccine all'uvetta... di Eugenio
  • pennette con l'avocado
  • pesce dall'amo... al forno con patate
  • pizza impastata e tirata da Eugenio e farcita dalla cuoca
  • pesce dall'amo... al piatto, marinato su crostini di pane caldi
  • tiramisù per il festeggiato di bordo
  • couscous con le verdure e profumi locali
  • zuppa di calalù con gnocchetti di yam
  • spiedini di carne mista

….e tanti altri.

BUON APPETITO

Per maggiori dettagli contattateci direttamente info@crocierevelafavero.it - cell +39 3355460160 / +39 3382029488

Guarda la fotogallery

Compila il form seguente per ricevere informazioni:

Acconsento il trattamento dei miei dati

Copyright ©2007 - 2017 Crociere in barca a vela - Scuola Vela di Eugenio Favero
P.Iva 01692960279 CF: FVRGNE58R09F229Z
REA VE-179664
- Mappa Sito - Informativa sulla Privacy